asherah la moglie di dio
Asherah



ishtar

Ishtar






TORNA AD ARGOMENTI E MISTERI



Asherah. Sposa di Dio e Dea dimenticata

La Bibbia è il best sellers più venduto al mondo ma di questo antico libro ne esistono svariate versioni, una per ogni tipo di cultura o stato. La versione moderna che circola oggi in Italia è purtroppo incompleta, monca di molte sue parti, è stata rimaneggiata, inquinata e modificata nel corso dei secoli ad uso e consumo di chi, attraverso quelle pagine fumose e antichissime, diffonde da molto troppo tempo dei messaggi per nulla completi o persino distorti, riportati in questo modo scorretto al solo scopo di dare maggiore incisività ad una dottrina creata in questa forma totalmente a tavolino.
Tra le cose che non compaiono più nella Bibbia odierna e che sono state eliminate volutamente indichiamo ad esempio il Libro di Enoch, considerato troppo scabroso per i suoi contenuti e
( persino ) la figura
di Asherath, per fortuna ancora viva e vegeta in altri testi, considerata la moglie di Dio, una Dea femminile completamente dimenticata dai cristiani di oggi.
dea della luna
La sua totale cancellazione fu resa necessaria per portare avanti la teoria di una religione unicamente patriarcale e misogina e quindi per indicare sostanzialmente che Dio, figura maschile, era il solo Dio da adorare.
Questo concetto è palesemente errato se consideriamo la regola del Binario che qui viene in tal modo mortificata e soppressa. Nulla può essere generato in questo universo se una delle due polarità ( maschile o femminile ) viene a mancare, sia che si tratti di cose basse e umane o che esse siano relative a quelle più elevate e divine. "
COSì IN ALTO COSI' IN BASSO" recita un postulato del grande Ermete.

Semplificando il concetto del Binario diciamo che la luce elettrica si crea solo con l'unione dei due poli, positivo e negativo, forze che non si possono vedere a differenza del loro prodotto che al contrario è ben visibile e si può sentire ( eccome! ) nei suoi vari effetti.
Qesto è il Binario detto in parole molto povere, il concetto generatore che si basa sull'unione di positivo e negativo o maschile e femminile che dir si voglia e che rappresenta le fondamenta di ogni cosa ed essere che vive. Questo concetto relativo alle due differenti forze poste in equilibrio viene oggi accettato anche dalla scienza ufficiale dopo che da sempre è statao portato avanti dagli Esoterici.
Senza l'unione dei due opposti non può esistre nulla su questo piano di esistenza e tale vitale teorema venne però considerato troppo scomodo da chi decise di apportare delle censure al Sacro Testo in questione e che quindi non poteva continuare ad essere inserito ( anche se in origine c'era ) in un testo-guida religioso di questo tipo e allora fu da subito cancellato. "Qualcuno" ritiene che i cristiani non possano avere una visione chiara di tutte le cose concernenti l'argomento ed è convinto che il popolo dei religiosi debba restare sempre e perennemente intimorito e genuflesso al cospetto di un Dio volutamente descritto ( altra falsità ) come vendicativo e crudele. Questa visione di Dio non è però reale e non è nemmeno presente in nessun altro scritto cristiano, Se ne può quindi dedurre che questa affermazione sia stata inserita perché comodo a chi, dall'ALTO, relega da sempre i credenti in uno stato di perpetua ignoranza. In altre versioni della Bibbia ( considerate apocrife solo per screditarne i contenuti ma che hanno l'unico difetto di  non essere considerate ufficiali e accettate dalla chiesa ) Dio non viene mai descritto in un modo così truce e nemmeno nella versione cristiana lo era, prima che fosse opportunamente riveduta e corretta oltre che "troncata" della sua necessaria controparte; la dea Lunare Asherath.
Torniamo adesso a lei, la moglie di Dio così tanto bistrattata e scomoda. Ella veniva chiamata anche “Colei che cammina sul mare” o “la Signora del Mare” o, ancor più semplicemente, la Signora, la Dea o la Santa.
Asherath si può identificare nella figura della Dea Madre per eccellenza e da essa sono nate, in tempi successivi e a seconda delle svariate culture: Ishtar, Astarte ( nome stroppiato in quello del demone ASTAROT ), Diana e tutte le altre Dee Madri della storia e della cultura umana sino ad arrivare all'odierna Maria Vergine; raffigurazioni, queste, che incarnano tutte l'unica figura di una divinità femminile potente legata alla Luna, al mare e alla fecondità.

L'uomo non comprende le cose astratte e quando si parla di FORZE, come quelle descritte nel BINARIO che non si possono ne vedere ne toccare, egli resta interdetto ed è per questo motivo che sorge la necessità di portare il suddetto concetto "giù in basso" sino a noi per facilitarne la comprensione. Ecco che nascono qauindi la figura di un Dio e della sua Sposa per descrivere in maniera terrena ( in sembianze maschili e femminili ) ciò che di terreno non possiede assolutamente nulla. Questo comportamento atto a semplificare l'alta visione di due essenze è però un po troppo semplicistico e svilisce il succo di un qualcosa di ben più profondo ed elevato e se impossibile da classificare. Tutto questo artificio può risultare quindi  utile per la comprensione limitata dell'essere umano ma, anche queste due figure ( di nostri progenitori presenti nella Bibbia delle origini ) sono state comunque accuratamente cancellate per fare posto ad un Solo Dio praticamente sterile ma altresì utile per la diffusione di una nuova teoria religiosa e misogina.
Speriamo però che con il tempo le cose possano cambiare e che alla verità venga fatta giustizia, che ciò che qualcuno tiene da troppo tempo nascosto per un suo mero tornaconto ( potere secolare ) venga finalmente riportato alla luce e che la Bibbia torni alle sue origini così come fu pensata e come essa merita di risorgere. A prescindere dal proprio credo personale il rispetto e la chiarezza sono due cose sempre ed eternamente fondamentali e in questo campo ancora di più. Approfondite altrove per verificare tutti i maneggiamenti che la Bibbia ha subito nel corso dei secoli.
Mai fare però l'errore di gettare via il bambino assieme all'acqua sporca, come recita un detto di saggezza antica e giunti a questo punto e in epoca moderna riteniamo che reinserire nuovamente tutto ciò che è stato fatto sparire o che è stato volutamente modificato in quelle pagine antiche è, secondo il nostro umile parere, la migliore cosa
che si possa fare ( anche se scomoda per qualcuno ) per salvare ciò che di buono si trova in esso contenuto.

BETH


Builder Web ©BETH E-Mail Contact DarkMaster BethStrega Home Page Index