strega alchimista


elisir di lunga vita











erbe


TORNA AD ARGOMENTI E MISTERI

L'ELISIR DI LUNGA VITA

Molti maghi e alchimiti famosi del passato si cimentarono nell'ardua ricerca della ricetta perfetta, di una pozione, spesso a base di erbe, che potesse donare loro l'eterna giovinezza e anche, magari, l'agognata immortalità. Si vocifera che Flamel e Fulcanelli fossero riusciti in questa impresa come anche Cagliostro e il conte di Saint-Germain che già si destreggiava tra erbe ed essenze per confezionare fragranti profumi.
E' noto che chi pratica la magia possiede la non comune caratteristica di restare giovane più a lungo, non dimostrando mai effettivamente gli anni che si possiedono. Questo è certamente dovuto allo stile di vita che viene condotto in simbiosi con le forze della natura, per la meditazione, all'introspezione, alla carica vitale che scaturisce da una mente elastica forte ed attenta oltre che estremamente positiva e mai troppo attaccata alle cose banali e caduche della vita. Di sicuro
tutti questi fattori giovano alla ricerca dll'eterna giovinezza e assai di più dei pensieri negativi di chi vive un'esistenza frenetica ed eccesivamente attaccata all'esteriore, alla materialità e al vano o persino dei lavori spesso maldestri e che non durano del chirurgo plastico . .  ( senza offesa per la categoria ).
Siamo ciò che mangiamo e ciò che pensiamo e forsa questa è in sintesi la formula alchemica più esatta: vivere calmi e in salute porta per conseguenza ad allungare la propria prospettiva di vita.
Se siamo stressati, se si dorme poco e male, se si rincorrono le vanità futili e distruttive di una società malata ( che detta regole malate ) si finisce sempre con lo scivolare verso un processo di invecchiamento precoce rapido e indesiderato. Si alimentano quindi le rughe e si spalancano le porte ad un inevitabile declino di noi stessi, sia fisico che morale. Non dovremmo trascurare la regola dei ritmi circadiani tanto cara alle streghe ( vedi in introduzione alla magia ) e altri accorgimenti atti a preservare più a lungo possibile il contenitore del nostro spirito fecondo che rappresenta il primo strumento utile per praticare con profitto la magia. Questo contenitore è il corpo che abbiamo ma che però non ci appartiene. Esso ci permette di interagire con tutte le cose che si trovano su questo piano di esistenza e per questo motivo è da considerare utile e prezioso al pari di un vaso di porcellana. Abbiamo il dovere di conservarlo in uno stato di benessere duraturo perché, appunto, non è nostro e si dissolverà un giorno e anche perchè non ne abbiamo altri di riserva e a disposizione . . .
( Vedi il postulato esoterico "NON 1 MA 3 PER FARE 1" sempre in introduzione alla magia ).
Anche queste si possono considerare ricette utili per un buon Elisir di Lunga vita ( la calma interiore e un modo più naturale
di vivere ) ma, ovviamente, ve ne sono anche altre di queste ricette che vengono tramandate dalla tradizione esoterica e quasi tutte a base di erbe. I decotti e gli infusi sono da annoverare tra i rimedi più efficaci per curare depurare e rinvigorire l'organismo e questo oggi lo dicono anche gli esperti erboristi moderni.
Qui appresso segue una breve carrellata di rimedi inserita a titolo di curiosità ( ma non solo ).

RICETTE E RIMEDI ANTICHI E MAGICI PER UNA LUNGA VITA

L'erudito Abate Tritemius raccomandava di bere una preparazione composta da calomelano, ( cloruro di mercuriorio usato come purgante e disinfettnte intestinale ) genziana, semi di anice, cannella, nardostachys jatamansi ( o più semplicemente nardo ) e macis in dose di 5 grammi complessivi di composto da assumere una volta al giorno con un buon bicchiere di vino rosso.

Nel diciassettesimo secolo si riteneva che la rugiada possedesse proprietà curative specialmente se raccolta nel mese di maggio prima del sorgere del sole e utilizzando un panno di lino. Veniva usata come lozione per gli occhi e per guarire i disturbi di pelle. ( valutare se il rimedio possa avere ancora possibile applicazione considerando l'epoca moderna caratterizzata da un eccessivo inquinamento ).

Il
conte di Saint-Germain rivelò che il segreto della sua longevità era legato ad una dieta composta da avena e carne di gallina.

Per restare giovani si consigliava
di prendere spesso un bagno caldo, che giovava assai alla pelle, nel quale venivano inserite le seguenti erbe: salvia, valeriana, verbena e qualche profumata spezia. Ci si doveva al contempo cibare soltanto di pane integrale, riso cotto con salvia, carni bianche e spremute di arancia.

Molti assumevano dell'AURUM POTABILE, un tonico composto da: melissa, basilico, caprifoglio, calendula e il tutto dolcificato con il miele meglio se di erica. Una tisana che in fondo male non fa se non si è allergici a queste erbe.

Altri preferivano invece la cosiddetta MEDICINA UNIVERSALE composta con: menta, mughetto, caprifoglio, calderugia ( erba usata contro i dolori mestruali, irregolarità del ciclo, emorragie ed ipertensione ma anche come aspettorante e diuretico ), fiori di erica. Le citate erbe per l'infuso venivano unite non all'acqua ma ad un buon bicchiere vino rosso.

Il BALSAMO DI AZOTH si preparava così unendo all'acqua per l'infuso: tanaceto ( erba digestiva ), scabiosa ( chiamata anche vedovella ) ha proprietà digestive, ruta ( sedativa e vermifuga ) e capelvenere ( usata contro i sintomi del raffreddamento e per l'apparato respiratorio in generale ).

Per il ROS VITAE si usava preparare una base di olio di rose ( olio di oliva in cui si mettevano a macerare dei petali di rosa ) e poi ad esso venivano unite le seguenti erbe: ochidea finemente tritata ( possiede proprietà tonificanti e una credenza popolare afferma sia efficace contro l'infertilità maschile ), rosmarino ed erba medica. Il tutto dolcificato con un po di miele. Si dice fosse un buon tonico per la pelle ma che si poteva anche bere ma solo in dosi minime, poche gocce alla volta.

LOZIONE PER LA PELLE. Far bollire a fuoco lento un quarto di litro di siero di latte al quale si aggiunge una manciata di sambuco, la calendula e due spicchi di aglio. Far bollire per 40 minuti poi lasciar riposare fuori dal fuoco per 5 ore. Trascorso questo tempo rimetterlo nuovamente sul fuoco e far bollire ancora con 30 grammi di miele. Si lascia raffreddare e si usa come una normale crema per la pelle.
Se si vuole che la lozione abbia anche proprietà anti rughe invece del
sambuco, la calendula e i due spicchi di aglio ma sempre procedendo allo stesso modo si unisca al tutto della camomilla romana, la ninfea bianca, le foglie di fragola o, se lo si trova, del cardo dei lanaioli ( ha proprietà diuretiche e depurative ).

Avere per amico un esperto erborisa, a questo punto, potrà essere assai utile per potersi cimentare con  questi antichi rimedi che un tempo assicuravano grandi benefici e lunga vita.
Abbiamo evitato di inserire le ricette che includevano erbe classificate oggi come velenose ( che in epoche remote però venivano ampiamente usate ) per non rischiare di ottenere un effetto contrario . . alla lunga vita.

BETH



Builder Web ©BETH E-Mail Contact DarkMaster BethStrega Home Page Index