Le 3Madri - Canto lunare

"Io (dire il proprio nome esoterico)  ti contemlo e ti ammiro, Iside, dolce e bella Signora.
Scintillante come l'alba tu mi appari
e su lastre d'argento io cammino.
Della tua luce mi ammanto e sulla fronte
reco il segno del tuo potere.
A te dono le forze e le energie dei miei spiriti,
io passo nell'universo e respiro nel vento,
io sono l'universo, io sono il vento."

Gli ESBAT, le celegrazioni delle fasi lunari

luna




strega

PROSEGUI CON:
GLI ESBAT DELLA LUNA PIENA TORNA AI SABBAT STAGIONALI TORNA ALLA MAGIA LUNARE

Ora che abbiamo fatto un quadro generale di ciò che si deve sempre avere a mente, vediamo nel particolare come si festeggiano gli esbat, le feste della luna. Alcune streghe festeggiano tutte e quattro le fasi lunari; luna crescente, luna piena, luna calante e la luna nuova mentre, molte altre, preferiscono festeggiare solo la luna quando è alta e piena nel cielo. Dipende dalla persona scegliere come muoversi, la cosa è soggettiva come soggettivi sono i modi di festeggiare. Come già detto è sufficiente anche solo ballare, cantare, sfornare dolcetti a forma di luna, per esempio, o bere dalla coppa l'acqua entro la quale abbiamo fatto rispecchiare i raggi della luna ( se non vediamo la luna dalle finestre di casa basterà visualizzare la luna che si specchia nella nostra coppa ) e lanciarle pensieri di amore carichi di riconoscenza, oltre che rivolgerle il nostro pensiero riconoscente a lei con le parole che trascriviamo in questa pagina, bruciando anche dell'incenso puro e una candela d'argento o bianca. Quando la situazione non ci permette di fare di più basta anche solo una di queste situazioni, l'importante è fare tutto con il cuore e con profonda e sentita riconoscenza.
Gli ESBAT sono momenti personali e ogni strega deve trovare il suo modo personale di festeggiarli. Per questo motivo vi indico alcuni esempi tra cui potrete trovare la vostra personale ispirazione.

SUGGERIMENTI PER FESTEGGIARE GLI ESBAT DELLA LUNA PIENA

Questa della luna piena è la fase più importanti per una strega in quanto la luna si trova nel suo massimo splendore e la sua energia è veramente al culmine. Qualsiasi richiesta e qualsiasi incantesimo mosso quando la luna è in questa fase, ha più possibilità di riuscire. E' questa la fase lunare in cui la strega, celebrandone la pienezza, raccoglie da essa grandi energie per i suoi propositi magici. Ma quante lune piene ci sono in un anno solare?
I mesi sono 12 ma le lune piene possono essere 13. E' quindi deduttivo che all'interno di un mese c'è sempre solo una luna piena a differenza di un mese particolare che ne comprende 2. Quello e' un mese speciale, un mese in cui l'energia da assorbire è doppia e quindi maggiormente potente.


La luna piena in più è chiamata luna blu.
Tracciamo quindi il calendario lunare considerando che ogni luna piena ha un suo nome e delle sue caratteristiche e influenze e che la luna blu non cade mai ogni anno nello stesso mese e che non sempre si può avere un anno con la luna blu. Il 2003, ad esempio, è stato un anno in cui la luna blu non si è mostrata ma abbiamo invece 2 lune nuove in maggio. La seconda luna nuova è detta luna nera e porta con se un potere maggiore per disgregare e spezzare.

- La luna piena di gennaio è la luna del lupo e ci ricorda di essere piu' vicini alla nostra famiglia. Possiamo festeggiarla indossando qualcosa di rosso scuro, bruciando candele dello stesso colore e l'incenso della luna piena composto da anice, lavanda e rosmarino. Dopo il banchetto serale consumeremo dei biscotti zuccherini e beviamo succo di mele oppure aprite delle mele in modo da scoprire il pentacolo che in esse si nasconde come se stessimo compiendo un incantesimo d'amore, in effetti lo sara' ma rivolto verso coloro che vivono con noi, parenti e amici, coloro che fanno parte del nostro "branco", come quello dei lupi, familiare. Cospargetele di cannella e cuocetele in forno.

- La luna piena di febbraio è la luna immacolata e ci ricorda di mantenere un cuore fanciullo, di rinnovarci in vista della primavera. Balli e canti gioiosi sono bene accolti in questa serata. Possiamo festeggiarla indossando qualcosa di bianco, bruciando candele dello stesso colore e della salvia. Dopo il banchetto serale consumeremo cioccolata e latte, mettiamo nelle nostre case dei fiori bianchi, chiedendo alla luna immacolata di rendere migliore la nostra esistenza mettendo in rima la nostra personale preghiera che potremo anche scrivere su un foglio di carta bianca e affidarlo ad un corso di acqua corrente o che bruceremo alla fiamma della candela per far si che si realizzino le richieste.


- La luna piena di settembre è la luna della vendemmia e ci ricorda che è l'ora di celebrare il nostro spirito alla ricerca della completezza. Meditare, guardarsi dentro, restare in silenzio. L'uva e' simbolo dell'adepto, la vendemmia, il riposo nelle botti e la trasformazione in vino, è la strada che anche il nostro spirito deve percorrere. Possiamo festeggiarla indossando qualcosa di color lavanda, bruciando candele dello stesso colore e dell'incenso di artemisia, chiedendo al nostro spirito di venirci in aiuto per risolvere i nostri problemi, mangiando pane di frumento e bevendo succo d'uva, seppellendo un frutto maturo e succoso nella terra dicendo: "Dono a te questo frutto Madre Terra, era tuo e a te ritorna, ti ringrazio e ti invoco in cambio di allegria perchè questo a te piace, cosi' sia."

- La luna piena di luglio e' la luna delle erbe e ci ricorda che le erbe in questo periodo sono al assimo del loro potenziale magico. E' anche il periodo nel quale gl incntesimi risultano più potenti e veloci nei loro risultati. Le arti divinatorie risultano più chiare e veritiere, la meditazione e tutti i nostri lavori scivolano via come olio e le soddisfazioni sono quindi maggiori. Possiamo festeggiarla indossando qualcosa di color arancio, bruciando candele dello stesso colore e dell'incenso composto di tre erbe: lavanda, salvia e rosmarino, mangiare biscotti alle erbe e bere tisane, benedicendo le erbe che userete in futuro.

- La luna piena di agosto è la luna del grano e ci ricorda che è l'ora del raccolto sia materiale che spirituale. Possiamo festeggiarla indossando qualcosa di color marrone o giallo oro, bruciando candele dello stesso colore e incenso di patchouli, decorando la tavola con spighe di grano, mangiando biscotti di grano e bevendo della birra, portando semi agli uccellini e bruciando assieme all'incenso dei bigliettini di ringraziamento, uno per ogni persona non piu' vivente che ci ha dato e a cui abbiamo dato molto in vita.

- La luna piena di maggio è la luna della coppia e ci ricorda che essa è la luna più potente per la strega, che nella sua luce può chiedere il possibile e l'impossibile e le preghiere verranno ascoltate. Possiamo festeggiarla indossando qualcosa di colore sgargiante, bruciando candele di colore oro o argento, o giallo o grigio e l'incenso di gelsomino, mangiando dolci accompagnati a bevende gassate. Concimate le vostre piante con concimi naturali benedetti da voi e caricati affinchè siano più potenti verso i vostri raccolti, lanciando incantesimi per la prosperità e per il denaro, per voi e per chi vi è caro.
- La luna piena di giugno è la luna del miele e ci ricorda che quando lei splende la vita è sbocciata l'estate, è l'inizio di una nuova vita e della trasformazione. E' la luna della metamorfosi, della farfalla che esce dal bozzolo e abbandona l'antico stadio di bruco. Possiamo festeggiarla indossando qualcosa di color ambra come il miele, bruciando candele di colore giallo o arancione e l'incenso puro, mangiando biscotti al limone e bevendo té al limone dolcificato con miele, meditando e facendo pratiche divinatorie, lanciando incantesimi per la prosperità, la salute e per il denaro.

- La luna piena di aprile è la luna della lepre e ci ricorda che stiamo entrando nel mese irradiato dal sole e dalla sua energia feconda. Fatevi invadere dalla sua luce e coltivate e concimate l'orto dell'anima come il vostro giardino o le piante in terrazza. E' il momento di muoversi, fare progetti, essere produttivi e concretizzare. Possiamo festeggiarla indossando qualcosa di verde o rosa, bruciando candele dello stesso colore e l'incenso della luna piena composto da anice, lavanda e rosmarino, mangiando biscotti al limone e bevendo succhi di frutta, mettendo fuori i nostri semenzai o estirpiamo le erbacce in giardino. Mentre fate questo cantate delle nenie dolci verso i vostri raccolti, cantilene che parlano di crescira rigogliose e prodigiose fioriture, lasciando un angolo del giardino o un vaso completamente incolto per far si che siano le fate a coltivarlo
e che con la loro presenza possano benedire tutto il vostro raccolto. Facendo cio' invitatele a venire con un vostro canto, attribuendo a dei semi le qualita' che vi mancano e seminateli dicendo: "seme che semina virtù, fai che germogli in me una qualità in più". Curare i semi per far si che tutto germogli.

- La luna piena di marzo è la luna della semina e ci ricorda che sta tornando la primavera, la terra si risveglia e il nostro cuore deve cantare assieme a lei e al risveglio della terra e della natura dopo il lungo inverno, il regno di Saturno.
E' il momento di procedere alla semina anche spirituale, dissodare la nostra anima e prepararla al nuovo futuro raccolto. Rigeneriamoci. Possiamo festeggiarla indossando qualcosa di verde, bruciando candele dello stesso colore e l'incenso della luna piena composto da anice, lavanda e rosmarino, mangiando pane con semi di sesamo e latte, mettiendo nelle nostre case vasi delle prime piante fiorite di primavera, benedite i semi che successivamente metterete nel terreno. I semi delle piante che vi serviranno per i futuri incantesimi. Per benedire dite: "io (pronunciate il vostro nome esoterico) vi benedico elementi della terra, alla terra andrete e piante rigogliose mi darete affinchè io possa lavorare e incanti realizzare". La luna della semina porta con se energie feconde per i semi a cui darete dimora nella terra.


- La luna piena di ottobre è la luna rossa e ci ricorda col suo colore il sangue degli animali uccisi per il nostro nutrimento. Anche quando mangiamo un frutto o della verdura interrompiamo una vita e questi sacrifici li compiamo per il nostro sostentamento, ogni giorno della nostra vita. Quindi ringraziamo animali e piante che ci nutrono. Possiamo festeggiarla indossando qualcosa di color rosso, bruciando candele dello stesso colore e dell'incenso di cannella e noce moscata, decorando la tavola con zucche, mele succose e foglie autunnali, mangiando biscotti allo zenzero e bevendo vino rosso, bruciate bucce di limone per invocare protezione preparando sacchettini color bianco con all'interno dei semi di mela che dopo un anno ridoneremo alla terra.

- La luna piena di novembre è la luna della neve e ci ricorda che stanno per raggiungerci i mesi più' bui e freddi dell'anno. La natura va a dormire per riecuperare le forze per l'anno che inizierà e nuovamente un ciclo si chiude in attesa di riominciare. Portiamo a terminetutto ciò che abbiamo lasciato in sospeso, è tempo di riflettere e di ringraziare. Possiamo festeggiarla indossando qualcosa di color nero o blu scuro, bruciando candele di color porpora e dell'incenso di artemisia, decorando la tavola con aglio e cipolle, mangiando biscotti allo zenzero e bevendo vino rosso, ricambiando con benevoli gesti le persone che in questo anno vi hanno dato molto.

- La luna di dicembre è la luna della quercia e ci ricorda che siamo particelle di un unico organismo che si rinnova ad ogni stagione e anche noi dobbiamo fare altrettanto. E' la luna piena più vicina al solstizio dell'inverno ed indica la nuova luce che ci invita a regalare candele bianche o gialle alle persone a noi vicine. Possiamo festeggiarla indossando qualcosa di giallo, decorando la casa con simboli solari, bruciando candele bianche o gialle e l'incenso della luna piena composto da anice, lavanda e rosmarino. Dopo il banchetto serale consumeremo dei biscotti a forma di luna e berremo succo di mele, in un moccolo fatto a spirale decorato con un ramo di agrifoglio e metteremo una candela attribuendole tutto cio' che vogliamo eliminare dell'anno vecchio dicendo: "io vi libero, non avete piu' potere, io vi libero, la mia vita cambia, io vi libero, voi restate un ricordo, brucia la cera e io vi scordo". Quando la candela è' consumata si butterà l'agrifoglio nel camino oppure lo si brucerà nel calderone per poi spargere le ceneri al vento. Da quel momento la vita ricomincia e cambia.


- La luna blu si festeggia con grandi danze e canti, divertendoci in suo onore, lanciandole pensieri di gratitudine e richiami d'amore più devoti che mai. Ella quando si mostra a noi due volte in un mese ci riempie di gioia e beviamo la sua energia come un bambino succhia il latte e il nutrimento dalla madre. Siamo liberi di fare ancor di più' ciò che ci consiglia il cuore e lo facciamo con maggiore slancio perchè siamo felici di vederla di nuovo, luminosa e potente, che veglia su di noi. Possiamo festeggiarla bruciando candele d'argento o bianche e incenso puro. Dopo il banchetto serale consumeremo dei biscotti a forma di luna e berremo del latte o l'acqua della coppa entro la quale essa si riflette, restando in silenzio mentre ci lasciamo invadere dai suoi raggi. Se non vediamo la luna dal nostro balcone   possiamo visualizzare i raggi della luna che ci avvolgono. Possiamo fare il bagno di luna aggiungendo all'acqua del bagno l'acqua in cui si è riflessa o abbiamo visualizzato i suoi raggi che vi si riflettono.
Lavoriamo molto con la visualizzazione e inviamole messaggi d'amore.

NON DIMENTICATE MAI DI NUTRIRE LA TERRA E GLI ANIMALI CHE VIVONO IN NATURA, OGNI VOLTA CHE POTETE, DANDO LORO CIBO E BEVANDE.