torcia





TORNA AD ARGOMENTI E MISTERI




candele accese
IL TESCHIO URLANTE
di Bettiscombe Manor


Qualcuno la conoscerà già questa macabra storia, ambientata nel Dorset in una villa tanto maestosa quanto inquetante. Io stessa ne ho sentito parlare tanti anni fa quando ero molto giovane e devo dire che mi colpì moltissimo, anche se, essendo una storia tanto datata, non è facile determinare se siano fatti realmente accaduti o meno. Comunque resta sempre una storia macabra e molto affascinante, se letta oggi così come la prima volta. Nel suo genere è una faccenda che mette decisamente i brividi.
Ci troviamo nel Dorset, con le sue atmosfere gotiche cupe che tanto ci piacciono e si svolge in un cimitero ma, soprattutto, in una vecchia magione.
La leggenda narra che il teschio in questione apparteneva ad uno schiavo di colore al servizio del padrone di casa che poi venne in possesso di quel macabro resto al momento della morte dello schiavo.
Sul letto di morte lo schiavo espresse il desiderio di essere seppellito nella sua terra di origine ma fu invece tumulato nel cimitero locale vicino alla chiesa di Bettiscombe.
teschio urlante di bettiscombe
Ben presto dalla tomba dello schiavo cominciarono a levarsi lamenti e urla e nella casa iniziò a manifestarsi una intensa attività di poltergeist. Il corpo dello schiavo venne quindi riesumato e portato all'interno dell'abitazione ma anche questo non bastò a placarne le urla. Si decise quindi di rimandare il corpo nelle Indie mentre il teschio rimase nella grande dimora, dove ancora oggi si trova, anche se non capiamo il motivo di questo “smembramento”.
Qualcuno tentò di seppellire nuovamente il teschio, ( altre versioni dicono che fu gettato in un pozzo ),ma questo riuscì a disseppellirsi da solo e il proprietario di Bettiscombe Mainor se lo ritrovò fuori dalla fossa dove era stato nuovamente inumato e fu quindi costretto a riportarselo in casa. Si dice anche che, in una notte dell'anno, forse nel momento della ricorrenza del funerale, si veda uscire un corteo funebre fantasma dalla magione per riportare il teschio al cimitero.

Ci sono però delle incongruenze in questa storia. Nel 1963, epoca moderna caratterizzata da strumentazioni in grado di determinare il sesso del cadavere e la datazione della sua morte rivelò, con enorme stupore, che si trattava dei resti di una donna vissuta nell'età del ferro. Una storia montata ad arte per qualche recondito scopo? Nessuno lo sa. Il teschio si trova ancora custodito in una scatola riposta dentro un cassetto di un mobile della villa.
Tutti i proprietari che si sono succeduti nel tempo non riescono più a liberarsene e anche se adesso non si odono più le sue urla tutti hanno paura di portarlo fuori da quelle antiche mura perché attorno al teschio è nata persino una nuova leggenda: chi avesse osato rimuovere il teschio dalla casa sarebbe morto entro l'anno . . . E nssuno, ovviamente, ha mai tentato di fare la prova per vedere se questo rispondesse a veità oppure no . . .


Builder Web ©BETH E-Mail Contact DarkMaster BethStrega Home Page Index