L'INIZIAZIONE
Parte prima

Vuoi varcare questa soglia? Prima di farlo, interrogati sui motivi che ti spingono. E' curiosità ciò che ti arde dentro?
Pensi che la cosa sia molto "eccitante" perchè film e letteratura dipingono i personaggi della strega e del mago come esseri dotati di 'strani poteri' oltre che di un fascino sottile e le loro vite movimentate e piene? Credi che la magia sia la soluzione ad ogni problema e sei alla ricerca di oro, vittorie, onori, distinzione dal resto dell'umanità?
Se ciò che ti spinge è solo questo, qualcosa che non supera il confine caduco della materia, allora non proseguire, perché la magia nulla può donare a chi procede a testa bassa osservando solo il misero pezzo di terra che ha di fronte, e che magari se lo litiga con il prossimo, pur sapendo che un giorno lo erediterà comunque   facendosi ricoprire da esso come fosse un misero sudario inevitabile. Oppure ciò che ti spinge è venire a parte della sapienza antica che può trasmutare l'uomo puramente carnale, destinato a morire e dissolversi, in un uomo nuovo, rinato e completo veramente conscio di sé e delle sue vere possibilità innate? Se vuoi spingere il tuo sguardo oltre l'orizzonte per comprendere le chiavi della vita e della materia che ci circonda e della quale siamo composti allora procedi e vai oltre, parti per questo lungo viaggio che dura tutto il tempo che ti è stato affidato all'interno della materia stessa. La magia non si impara in un giorno soltanto ma dopo una serie di lunghi giorni e di esperienze. Questo dell'iniziazione è soltanto il primo passo, la presa di coscienza. Non sarai, dopo, pervaso da poteri sovrumani come si vede nei film ma solo saprai che ti aspetta un lungo percorso di ricerca e una lenta ma graduale trasformazione. Un uomo non trasformato nell'intimo di sé non può praticare la vera magia mentre, l'uomo saggio e mutato nella sua forma interiore, che mette in equilibrio perfetto carne e spirito, si. Non avere quindi paura di cambiare pelle ne la visione di vita e delle cose che ti circondano perché questo in fondo è lo scopo di ogni iniziazione. Essa è un "passaggio", una "morte" metaforica che permette di andare da uno stato ad un altro e che aspira a concretizzare una futura rinascita. Dopo aver varcato questa soglia nulla ti sembrerà più come prima, se sarai pronto a guardarti dentro e scoprire cose di te stesso delle quali eri ignaro, se sei pronto a vedere tutto ciò che devi eliminare da te e dalla tua vita per procedere verso la magia con un bagaglio leggero e privo anche di quella impazienza e quelle smanie che possono risultare invece pesanti e limitanti. La Magia non è per persone che hanno certezze incrollabili ( di origine umana e quindi, le più, infondate ) ma bensì per coloro che sanno dubitare di tutto e che si accostano al mondo esoterico ( termine che indica soltanto "nascosto" ) con la mente aperta, desiderosi di apprendere e di porsi domande per portare a compimendo la personale Grande Opera.
Se sei equilibrato, serio, se sei alla ricerca del tuo vero io e dell'equilibrio allora ... sari il benvenuto. La magia è come una bella signora che ammette al suo banchetto solo chi sa comprendere. Dice Eliphas Levi in un suo libro: " L'uomo schiavo delle sue passioni e dei suoi pregiudizi non sarà mai un iniziato. L'uomo attaccato alle proprie idee e che teme di perderle, pauroso di nuove verità e non disposto a dubitare di tutto, deve   chiudere questo libro, non lo capirebbe, lo capirebbe male e ne rimarrebbe turbato..."
E se anche vuoi divertirti rimarrai deluso. Se sei un'anima troppo fantasiosa alla ricerca di emozioni, di apparizioni, di fuochi che appaiono nelle mani, rimarrai oltremodo deluso. Arretra. La magia è figlia della materia e delle sue leggi sublimate, affinate e rese perfette. Qui non vi è nulla per te se nulla non nasce dal tuo spirito profondo. Oltre questo varco vi sarà solo il nero più profondo e il vuoto se resti ad aspettare che qualcosa accada per poi capire che senza far nulla non può avvenire nulla. La frutta cade dall'albero quando è marcia e da buttare mentre la frutta matura e buona bisogna andarsela a prendere salendo sull'albero e non certo senza fatica. L'uomo definisce santi e miracoli o maghi e magia qualcosa che non riesce oltremodo a spiegarsi e nasconde queste manifestazioni mirabili della materia, che si distinguono dalle comuni realtà, con termini sfavillati che impressionano e affascinano ma che sono oltremodo fasulle, imputando tali meraviglie solo ad uomini elevati, a menti superiori, ad entità esterne, a devoti o maghi potenti. Nulla di più falso. L'uomo nasce con un Re dormiente dentro di sé (alchimia) che è capace di modificare la materia e che non conosce ne confini ne limiti e tutto seguendo meccanismi reali e concreti anche se ignorati. Nulla si genera al di fuori della materia della quale siamo fatti e nella quale viviamo. Nulla viene dal nulla che non esiste. Se pensi che dopo questo passo tutto ti sia permesso e che tu possa ottenere tutto ALLORA LASCIA PERDERE, ti esorto ancora se sei indeciso. Questo è solo il principio del tutto, una presa di coscenza e un primo passo verso la maturazione interiore che conduce a ciò che l'uomo chiama magia. Dopo l'iniziazione dovrà esserci lavoro e impegno, devozione alla natura sotto ogni sua espressione perché a differenza di noi uomini tutte le creature naturali ( visibili e invisibili ad occhio umano ) sono più vicine alla sorgente primaria della vita che è pura energia in continuo movimento e in continua espansione mentre noi possediamo un ragionamento egoistico ( che essi non conoscono ) e che dalla sorgente ci tiene distanti. Allenati già da ora al pensiero inverso memori del fatto che " l'apparenza spesso inganna ", come recita un vecchio detto assai saggio.
E, cosa più importante, sei disposto seguire le eterne regole della magia Conoscere, Osare, Volere e in silenzio stare? Il silenzio e la segretezza sono fondamentali per chi vuole abbracciare la magia. DOPO non dovrai vantarti od ostentare i progressi che con impegno raggiungerai perché ciò equivarrà a vanificare ogni sforzo profuso sino a quel momento. In verità NON DIVERRAI NULLA CHE GIA' NON FOSTI PRIMA ma che tenevi latente e nascosto alla tua coscienza. Sii coerente con te stesso.




shakra
SAI ADESSO CHE COSA CERCHI? La BACCHETTA MAGICA con la quale si fanno apparire o sparire le cose, O IL SAPERE ANTICO E L'UNICITA' CON IL TUTTO che ci circonda? imparare a vivere usando a pieno ogni possibilità umana e mai sfruttata o limitarsi allo scorrere inevitabile del tempo? Spogliati ora da ogni pregiudizio. Spogliati ora dal desiderio di vedere quello che non esiste. Spogliati ora dall'autosuggestione figlia delle debolezze umane. Spogliati ora della veste che che porti ( in senso figurato come indica Ermete). Abbandona l'inutile e la pigrizia nemiche del mago e della strega. Passa attraverso la fase della NIGREDO alchemica con coraggio e senza farti sconti inutili. Trasformare se stessi non è un processo in principio semplice. Incontrerai una naturale resistenza che devi superare come un esame importante. Vestiti di una forza nuova e accendi il fuoco che cova nel tuo spirito. Siamo parte di un tutto, siamo figli di una forza che risiede nell'universo e che nell'universo si esprime in varie forme, divise ma perfettamente eguali nella loro essenza. Il corpo materiale è lo scrigno che contiene il nostro spirito ed è attraverso il corpo materiale e la materia che si raggiunge l'equilibrio e la magia e, sempre facendo leva sulle parole di Ermete: "così in altto così in basso." Se sei deciso ad andare avanti preparati.
Recita la formula del V.I.T.R.I.O.L. lasciataci dai Grandi Alchimisti: VISITA INTERIORA TERRAE RECTIFICANDO INVENIES OCCULTUM LAPIDEM
Visita il tuo IO profondo, guarda dentro di te, cerca la forza e la volontà ( la Pietra dei Saggi ) nascosta dentro di te senza la quale non puoi nulla. Non lasciare che la fantasia e la suggestione predominino o fallirai. Fare esercizi di visualizzazione e rilassamento ti sarà molto utile.
Adesso aspetta. Assapora l'attesa e la pazienza perché ( citiamo un altro saggio detto ) la calma è la virtù dei forti. Con la calma si riflette meglio e si risolvono meglio i quesiti. Con la calma interiore ci si rende vincenti.

Nella seconda parte che verrà rivelata a breve, illustreremo il procedimento di un tipo di iniziazione. Di modi di praticare ve ne sono tanti e quindi tanti sono i riti iniziatici. Esiste la Salomonica, la stregoneria, la magia Egizia, l'Alta Magia Cerimoniale, l'odierna Wicca ecc.. l'elenco sarebbe troppo lungo da completare. Il rito che verrà proposto è il più semplice, ideale per chi pratica in modo solitario.
C'è da dire che se dopo qualche anno vi stancherete del vostro impegno travolti dalle esigenze della vita di ogni giorno e non riuscirete a coniugare vita e magia ( cose di per se indissolubili ) vorrà dire che non siete tagliati per l'Antica Arte. Il tempo solo saprà giudicarvi. Non esistono livelli e nemmeno diplomi. Giungere alla magia è cosa al quanto personale e solo le persone veramente capaci e portate riescono a portare a compimento la Grande Opera. La magia non è un gioco di società o pane per gli incostanti. In altro modo non sarebbe mai potuta sopravvivere dopo secoli sino a noi.
E' necessario che il tempo faccia le sue dovute selezioni. Un ultimo consiglio, cerca sempre le riprove di quanto intuito o fatto. Ogni rituale ha bisogno di un periodo di "gestazione" prima di dare alla luce i frutti sperati. Si deve agire col favore di luna e dei tempi migliori proprio come fa il contadino per la semina. Ma tutto questo lo scoprirete man mano che andete avanti. In Bethelux sono disseminate svariate indicazioni in merito ma non per questo dovrete trascurare la lettura dei testi profondi che ci hanno lasciato i grandi maghi del passato come fossero tracce e solchi di sapienza da seguire e comprendere.
Ma non fate mai un rito solo per ciò che vi può donare. Le azioni magiche sulla materia sono da considerarsi solo come le riprove ricercate. Se vi saranno frutti ciò significa che siete sulla strada giusta per comprendere i meccanismi che regolano la vita altrimenti è tutto da rifare soprattutto il primo importante lavoro su noi stessi. Se noi non siamo "maturi" le nostre azioni si dissolveranno nulla. La magia non è solo per uomini o solo per donne.
La forma esteriore non conta è solo l'espressione materiale delle due forze del binario che in vari modi si esprimono. Ciò che conta è solo quello che vogliamo fare ed essere.
 
BETH





candela









Builder Web ©BETH E-Mail Contact DarkMaster BethStrega Home Page Index