TORNA AD INIZIAZIONE ALLA MAGIA


latona e i figli sole e luna







elementi alchemici


drago
"DEALBATE LATONA ET FRANGITE LIBROS"
Sbiancate Latona e rompete i libri
Frase tratta dal libro La bugia del Marchese Massimiliano di Palombara


Latona, la madre del Sole e della Luna
( gli elementi del Binario )

" . . IO SONO BIANCA, NEGRA E BELLA . . "

LATONA LA MATERIA

Latona apparteneva all'antica e nobile stirpe dei Titani. Suo padre era Ceo e sua madre Febe e aveva come sorelle Rhea e Temi.
Il suo simbolo era la notte più profonda e Zeus, il cielo, dopo averla vista così bella, si innamorò di lei. Dalla loro unione nacquero il Sole e la Luna, ovvero, Apollo e Artemide.
Perseguitata da Hera fu minacciata dal serpente Pitone affinché non trovasse mai un sicuro rifugio e così Latona girovagò in ogni dove sino a quando Zeus venne in suo soccorso e la mandò sull'isola di Asteria dove diede alla luce i due gemelli: Apollo e Artemide.
Da quel momento, in onore della nascita degli Dei della Luna e del Sole, l'isola venne chiamata Delo, che in greco significa "la chiara" o "la luminosa".
Questa, assai sintetizzata, è la visione classica del mito associato alla figura di Latona.
Ovviamente per comprendere il senso di questa storia va tradotta tutta quanta in chiave allegorica proprio come solevano fare gli antichi ermetisti. Non la si può leggere come è proposta, al pari di una bella favola a lieto fine. Il linguaggio ermetico possiede la grande qualità di "fissare" nella nostra mente una infinità di concetti teorici importanti anche per la maturazione magica di un adepto. L'ermetismo
fa uso delle immagini e dei simboli più che delle semplici e limitanti parole proprio perché è questo il linguaggio più adatto, diretto e naturale, che la mente umana è capace di recepire. In questo modo si può comprendere svariati concetti in maniera automatica e molto più velocemente che se si facesse un inutile spreco di infinite parole. Per nostra natura siamo tutti capaci di pensare per immagini ed emozioni così come si faceva da bambini, ( una frase alchemica recita allo scopo "la pietra filosofale si trova in mano ai fanciulli" riferendosi a questo genuino modo di pensare ) anche se, in età matura, molti perdono un po di questa innata capacità. Per chi pratica è molto utile stimolare la propria mente per indurla a tornare a questo tipo di linguaggio semplice ed efficace, per ritornare di nuovo a vedere e sentire il "messaggio" e l'emozione che si nasconde dientro un qualsiasi simbolo. In questo modo, con la visualizzazione di un concetto, l'atto di lanciare un "pensiero calamita" diventerà assai più semplice ed immediato.
In magia e in Alchimia Latona è una figura importante perché essa indica la MATERIA nella quale siamo immersi e dalla quale provengono i due preziosi elementi base del Binario, ( tra loro opposti ma indissolubilmente uniti ): il Sole e la Luna, il positivo e il negativo ecc..
Lei genera, se così possiamo dire per conseguenza logica, anche ogni essere vivente e ogni cosa che vive. L'uomo, la pianta, la pietra, agli animali e tutte le altre forme di vita e di creature ad occhio umano invisibili ( che comunque parimenti sono ) e che vivono anch'esse tutte quante nella materia che ci forma e ci circonda. L'uomo sovente considera Latona al pari di una perfida matrigna a causa degli innumerevoli ostacoli che ella sovente ci propone, ostacoli che ci possono sembrare a prima vista più o meno insormontabili, mettendo a dura prova la nostra resistenza sia fisica che psichica. Ma le prove di Latona vanno considerate sempre come una sorta di "esami" individuali che dobbiamo avere la capacità di superare per dare dimostrazione attiva e continua di essere forti e capaci come diciamo o come vogliamo o vorremmo essere, per progredire e rafforzare ulteriormente il nostro spirito profondo.
Niente ci viene mai regalato in vita e nulla possiamo allo stesso modo dare per scontato; ciò che siamo e siamo capaci di fare o creare lo dobbiamo sempre e solo a noi stessi grazie anche ai suoi continui stimoli che sono utili al fine di
"saggiare" le qualità che abbiamo o stiamo maturando.
Noi non occupiamo gratuitamente un posto nella materia, dobbiamo dimostrare nel continuo di meritarcelo e il suo intervento è, per questo motivo, sempre assai prezioso.
Se siamo capaci a farcela "amica ed alleata" possiamo al fine dire di aver capito il senso di questo nostro breve passaggio in lei.