Torna indietro a vedere la lista dei libri



STEGANOGRAPHIA

L’Abate Tritemio scrisse questo testo attorno al 1500. La versione bruciata dalla chiesa si dice contenesse il segreto per comunicare a distanza senza utilizzare i metodi tradizionali dell'epoca, messaggeri o lettere, oltre che i codici cifrati ancora oggi consultabili anche se di difficile comprensione. Per la prima volta fu pubblicato nel 1606 a Francoforte e prima di quella data il testo era stato tramandato attraverso copie scritte a mano. Se si pensa a probabili cattive trascrizioni o errate letture del testo originale si puo' supporre che ciò e' giunto sino a noi oggi possa non essere un testo attinente a quello originale.
Tritemio nasce il primo Febbraio del 146. sapeva l'ebraico, il latino, il greco ed era un profondo studioso dalla mente aperta e recettiva. Nel 1479, come riportano eminenti storici, ebbe l'incontro con un Maestro dei Rosa+Croce e questo incontro gli cambio' decisamente la vita.
Nel 1483, all'età di 20 anni, entra in monastero benedettino di cui diviene presto Abate. Molti lo giudicavano santo, altri un mago, sta di fatto che anche i personaggi illustri come Paracelso e Cornelio Agrippa si recavano di lui per consulti e scambi di opinioni. Successivamente fu deposto dalla carica di Abate dai suoi stessi monaci forse esasperati dalla fama del loro Abate cosi' attivo di cui si vociava che avesse la mania di evocare morti illustri. Tritemio si ritiro' quindi volontariamente a vivere in solitudine nell'Abbazia di San Giacomo, scrivendo numerosi manoscritti e meditando, sino al 1516 anno della sua morte. Tritemio voleva lasciare al mondo tutto il suo sapere riguardante la comunicazione possibile attraverso metodi non conosciuti ma non voleva, allo stesso tempo, che queste informazioni cadessero in mani sbagliate o, peggio ancora, cadessero vittime della mannaia della censura ecclesiastica. Nascose quindi le nozioni misteriose all'interno di manoscritti all'apparenza insignificanti che furono pero' giudicati sempre troppo espliciti e che quindi subirono ugualmente delle mutilazioni da parte della Chiesa.

Le conoscenze ultraterrene di Tritemio racchiuse nell'opera "STEGANOGRAFIA", frammentate in tre volumi, trattano dell'invocazione degli spiriti nelle varie ore propizie del giorno, di calcoli astronomici e tabelle numeriche.
Ciascuna invocazione lasciataci da Tritemio inizia con il nome dello spirito da invocare e segue con parole all'apparenza astratte che in realtà nascondo un messaggio mirato alla realizzazione dell'evocazione stessa.


 


CHE I PROFANI NON COMPRENDANO
E GLI INIZIATI APPRENDANO.


E' POSSIBILE TROVARLO ANCORA IN COMMERCIO
COME RISTAMPA ANASTATICA. GUARDA







Builder Web ©BETHE-Mail Contact DarkMaster BethStrega Home Page INDEX