Le presenze oscure di Bethelux

Torna indietro

L'oscuro popolo della notte è composto da strane e orrende creature che risalgono direttamente dalle più profonde viscere della terra e dalle nostre paure più nascoste.. loro sono li, nell'ombra pronti a ghermirci e portarci via nel loro oscuro sepolcro ..

 

UNA DI QUESTE CREATURE E' SICURAMENTE..

 

Poter conservare il nostro corpo
dalla corrosione del tempo
dopo la morte, è veramente
un'idea affascinante.
Sapere che tutti possono
vedere come era il nostro aspetto
in vita dà quasi l'impressione di poter,
in qualche modo, sopravvivere alla
corrosione della carne,
e, sfidando il tempo, di
.essere sempre presenti
di fronte a chi ci guarda.

Il dio e guida dei morti; ANUBI.
E' il dio raffigurato con un corpo
umano e la testa di sciacallo.

I METODI DI IMBALSAMAZIONE NELL'ANTICO EGITTO

Alcuni popoli del passato erano convinti che solo mantenendo intatto il corpo ci fosse la possibilità di raggiungere la vita ultraterrena.
Nel famoso "Libro dei morti", che giunge a noi dall'antico Egitto, troviamo le invocazioni al dio Osiride per preservare il corpo e dargli l'immortalità.
Tali preghiere erano associate ad azioni ben precise che si basavano soprattutto
nell'asportazione delle viscere, nella disidratazione del corpo e nell'impregnare il cadavere di resine e sostanze varie per preservarlo dall'inevitabile corrosione. I metodi di imbalsamazione erano tre.
Il più costoso, riservato alle ricche famiglie dei faraoni, consisteva nell'estrarre il cervello attraverso le narici del defunto con un uncino, con una pietra tagliente si praticava un taglio lungo l'addome, si tiravano fuori gli intestini e veniva ripulito. Quando si trattava proprio del corpo di un faraone, lo stomaco, i polmoni, il fegato e l'intestino venivano messi nei famosi vasi chiamati "Canopi", mentre il cuore veniva successivamente rimesso al suo posto. Dopo di ciò il corpo veniva purgavato con vino di palme e con aromi in polvere. Il ventre veniva riempito di mirra pura tritata, di cassia e di altre sostanze e quindi ricucito. Fatto questo veniva immerso nel nitro per settanta giorni. Trascorso questo periodo veniva tolto dal nitro e una volta lavato lo avvolgevano con strisce tagliate da una tela di bisso spalmate con gomma, usata dagli Egiziani al posto della colla. Ai parenti veniva quindi consegnato il corpo imbalsamato che veniva adagiato in una forma di legno lavorata a figura umana e dopo averlo sigillato in questo sarcofago, veniva conservato in una camera sepolcrale, posto in piedi contro il muro. Il secondo metodo era meno costoso e si procedeva utilizzando delle siringhe di olio di cedro con cui si riempiva il ventre del cadavere, senza tagliarlo e senza procedere all'asportazione degli intestini, ma introducendolo attraverso l'ano ed evitando al flusso di tornare indietro. Poi si metteva il corpo nel nitro per il periodo prefissato e infine si faceva uscire dal ventre l'olio di cedro che portava via con se gli intestini e i visceri macerati. Le carni erano state consumate dal nitro, così del cadavere rimaneva solo la pelle e le ossa. Alla fine il corpo veniva consegnato ai parenti sensa ulteriori lavorazioni. Il terzo sistema il più economico serviva per imbalsamare i poveri; si ripuliva il ventre con una purga, veniva messo sotto nitro per settanta giorni e infine consegnato. I corpi delle mogli dei notabili e le donne belle ed importanti, non venivano date subito il decesso in mano all'imbalsamatore, si preferiva attendere tre o quattro giorni per evitare che gli imbalsamatori le violentassero. Qualche imbalsamatore era stato infatti sorpreso mentre violentava un cadavere fresco di donna.

I METODI NATURALI DI MUMMIFICAZIONE

Anche il caldo può conservare un cadavere, ma a condizione che serva ad eliminare l'acqua. Un esempio è dato dalle mummie predinastiche egiziane che sepolte sotto le calde sabbie del deserto si sono conservate abbastanza bene, senza alcun intervento artificiale. Anche l'affumicamento è un metodo efficace e l'azione del fumo caldo ha dato fin dai tempi antichi ottimi risultati. Il freddo è anche un efficace metodo di conservazione e molti sono i ritrovamenti di corpi che sono giunti fino a noi quasi intatti, grazie alle bassissime temperature, clima secco e altri fattori favorevoli. In particolari condizioni, i corpi immersi in paludi o sepolti in terreni umidi, possono subire un processo naturale di conservazione denominato "Saponificazione" che preserva il corpo dagli attacchi dei microrganismi e dei batteri evitandone la putrefazione.

 

 


Vasi Canopi

MA COSA POTREBBE ACCADERE SE UN CORPO COSI' CONSERVATO E ORMAI PRIVO DI ANIMA E SPIRITO RITORNASSE A MUOVERSI SULLA TERRA?

.
LE MUMMIE IN ITALIA

Per poter vedere da vicino una mummia, non è necessario spostarrsi sino in egitto o verso qualche museo all' estero.
Le mummie si trovano anche qui a casa nostra, in Italia.
Ecco alcuni itinerari tutti da scoprire o riscoprire per chi li ha veramente a portata di mano.

Ricostruito il volto di una mummia conservata al Museo Egizio
di Torino. Ricostruiti i lineamenti di Harwa ...
CLICCA QUI 

Roma chiesa dei cappuccini. Cappella cimitero
Clicca qui per VISUALIZZARE

Urbania, cappella dei morti Clicca qui per VISUALIZZARE

Venzone cappella S. Michele. La Cappella con mummie
Clicca qui per VISUALIZZARE

Savoca (Messina). Convento con necropoli (sec.XVI)
Clicca qui per VISUALIZZARE

Palermo. Convento dei cappuccini.
Cappella sotterranea con mummie
Clicca qui per VISUALIZZARE

Lodi museo Gorini Clicca qui per VISUALIZZARE

Ferentillo Chiesa Clicca qui per VISUALIZZARE

Vedi anche il sarcofago di TUTHANKAMON
e la mummia di RAMESSE II
Clicca qui per VISUALIZZARE

.

E-Mail Contact DarkMaster BethStrega
Builder Web ©BETH