torcia









TORNA AD ARGOMENTI E MISTERI

asmodeo
La chiesa di Rennes-Le Château

Particolare
statua della Maddalena
r15.jpg (4328 byte)
Marie Dénarnaud

Vetrata

Statua della Maddalena

"Con questo
segno tu lo vincerai"

Pavimento a scacchi

La chiesa era stata consacrata nel 1089 e dedicata a Maria Maddalena, ma la sua fama la deve esclusivamente all'abate Saunière e ai fatti a lui ( ma non solo a lui ) legati. Molti libri sono stati scritti sull'argomento e fiumi di parole sono scivolate copiose attorno a questa vicenda anche se ancora nessuno è riuscito a far luce su questo intricato e famoso mistero, neppure dopo tanti anni, se ne parla ma senza levare un ragno dal buco. E non poteva essere diversamente. Troppo fitte le maglie di questa tela che non è possibile districarle con profitto. Alla stregua di un moderno nodo gordiano. C'è poi il dubbio che non sia veramente possibile venirne a capo perché questo è, forse, il volere di qualcuno ( o di alcuni ) che da anni se la ridono sotto i baffi vedendo tanto accanimento attorno a questo osso succulento , specie quanto la gente aspira a cavalcare l'onda redditizia di una storia al solo scopo di far soldi con una bolla di sapone. Con questo non voglio dire che in quel luogo non ci sia nulla di segreto, che non ci sia un mistero da scoprire, dico soltanto che sicuramente qualcosa c'era ma che oggi non c'è più, porteto via e sottratto a troppo chiasso e clamore. Per questo ho deciso semplicemente di parlarne a grandi linee e lasciare che altri approfondiscano ogni elemento del tema. Ma la chiesa anche se piccola è veramente bella e se qualcuno ha l'occasione di andarla a visitare può vedere con i propri occhi i simboli nascosti dietro le statue e dietro le raffigurazioni anche delle Stazioni della Via Crucis, alcune di queste sono veramente anomale. La Via Crucis è opera di un massone, lo scultore Giscard.
Prima di entrare nella chiesa è visibile la Madonna di Lourdes posta sul pilastro visigoto, il pilastro all'interno del quale Saunière avrebbe trovato i manoscritti che fecero scattare per lui tutta la vicenda
All'ingresso troviamo scritto: " Domus Mea Domus orationis Vocabitur" (La mia casa sarà chiamata casa di Preghiera), "Terribilis est locus iste" (questo è un luogo terribile) e "Hic Domus Dei est et porta Coeli" (Qui è la casa di Dio e la porta del cielo). Bernardo di Chiaravalle nella "De Laude novae militiae " diceva che Dio definisce la sua casa una casa di Preghiera. "Terribilis est locus iste" (questo è un luogo terribile) Nella Genesi (XXVIII, 10-17) leggiamo che Giacobbe sognò una scala che poggiava sulla terra e raggiungeva il cielo.
Gli Angeli salivano e scendevano su di essa. Gli apparve Dio che gli parlò. Al suo risveglio ebbe timore e disse: "Come è terribile questo luogo! E nientemeno è la casa di Dio e questa è la porta del cielo". Diede il nome di BETHEL a quel luogo che prima si chiamava LUZ. Lynn Picknett e Clive Prince nel "La rivelazione dei Templari - I custodi segreti della vera identità di Cristo" sostengono che BETHEL è il Centro in lotta con Gerusalemme e che con il termine BETHEL, in francese, si designa il Tempio di una "setta" dissidente. da qui il nome del mio Sito. Altri tempi. In inverno, a mezzogiorno, il sole, attraversando la vetrata posta a sud, proietta l'immagine di un melo con tre mele blu.
sopra l'acquasantiera si legge questa scritta: PAR CE SIGNE TU le VAINCRAS ma la frase originale è "IN HOC SIGNO VINCES"; perchè Saunière l'ha fatta scrivere in francese? Per potervi aggiungere un "LE" e per dare alcune indicazioni che solo con l'alfabeto francese poteva dare. Le lettere diventano così 22 come 22 sono i denti del teschio posto sulla porta del cimitero, come 22 sono i gradini della Torre Magdala, 22 è la somma delle due rampe di scale di 11 gradini che portano sulla terrazza, 22 erano le province dei templari. Il 22 , nei tarocchi, è il matto; ed il folle è Perceval nel manoscritto del 1330 "La folie Perceval" conservato nella Biblioteca Nazionale Francese di Parigi. Nel testo viene descritto il Graal come il "libro del santo vasello". Giovanna d'Arco diceva: "il mio Signore ha un libro in cui nessun chierico ha mai letto, per quanto perfetto possa essere nel suo stato di chierico". Nella scritta originale Sauniére ha aggiunto "le" che sono poste tra la 13a e la 14a lettera: il 1314 è l'anno in cui fu giustiziato Jacques de Molay, ultimo Gran Maestro dei Templari. La L nell'alfabeto è la 12a lettera, mentre la E è la 5a, e 12+5=17, il numero ricorrente nel Mistero di Rennes. Aggiungiamo, infine, e questo forse è un caso, che Sauniére è morto il giorno 22. Le lettere dell'alfabeto ebraico, che sono 22 ed alle 22 correnti che ci riportano allo studio della Kabalak e della onomanzia. Nello Sepher Yetzirah troviamo scritto: ... Queste sono le 22 segnature, con le quali fu fatto l'universo".
Cose ce ne sono tante da vedere, tanti tasselli che compongono questo misterioso puzzle.



Builder Web ©BETH E-Mail Contact DarkMaster BethStrega Home Page Index