cappella museo san severo

TORNA AD ARGOMENTI E MISTERI

CAPPELLA MUSEO DI SAN SEVERO A NAPOLI

cappella museo sansevero

Se passate da Napoli è impossibile non visitare questa meravigliosa cappella museo per ammirare le stupende e misteriose statue che contiene. Il marmo prende vita e i drappeggi appaiono come tessuti veri e non come il frutto di una mirabile maestria dell'artista nell'utilizzare gli strumenti di intaglio. Figure in pietra che prendono vita, sembrano corpi veri "vestiti" di seta. Ma non solo, nei sotterranei della cappella è possibile ammirare le famose "macchine anatomiche" che la leggenda indica trattarsi dei corpi di un uomo e una donna che facevano parte della servitù del principe di Sansevero.

Raimondo di Sangro principe di Sansevero (1710 – 1771)
fu un esponente del primo Illuminismo europeo, letterato, primo Gran Maestro della Massoneria napoletana e un grande inventore. Nei laboratori sotterranei del suo palazzo il principe si dedicò a sperimentazioni di chimica idrostatica, tipografia e meccanica.
La sua conoscenza si poteva considerare prevalentemente esoterico-alchemica. Era un grande iniziato e attraverso il linguaggio dell'arte impresse simbolismi e conoscenze nelle opere contenute nella sua cappella. Un suo scritto intitolato Lettera Apologetica fu giudicato eretico e quindi proibito dalla Chiesa romana.

L’iscrizione apposta sulla sua lapide lo descrive come:
"...celebre indagatore dei più reconditi misteri della Natura".

BETH




macchine anatomiche


cappella museo san severo napoli