Introduzione alla MAGIA

"Non fare agli altri quello che non vorresti fosse fatto a te.
" FINCHÉ NON FAI DEL MALE A NESSUNO, FA' CIÒ CHE VUOI!
Qualsiasi cosa noi facciamo, ci ritorna indietro TRE VOLTE TANTO nel bene o nel male.

libri di magia
teschio su libri
magia
Prosegui con: Pantheon Egiziano Amuleti e Talismani Le formule Le erbe Lettere e numeriMeditazione Magia delle essenzeMagia delle candele



-
PROSEGUI ANCORA:


-
I Geni, entità invisibili chiamate anche Intelligenze


- La sigillazione dei desideri


- I Pantacoli dell'Abate Julio contro avversità, per esorcismo, amore e fortuna


- I Salmi che accompagnano i Pantacoli dell'Abate Julio per allontanare pericoli e miseria


- I sigilli degli arcangeli Gabriel, Raffael e Michael per la vittoria, contro i nemici e per scongiurare rovesci di fortuna. Comprende le formule di consacrazione.


- I Pantacoli della tradizione tratti da L'Enchiridion e dal Grimorio di Honorius


- I Pantacoli Cabalistici tratti dalla Filosofia Occulta o la Magia di Agrippa.


- Il vero Rituale Esorcistico dell'Abate Julio


- La Medaglia di San Benedetto


- Il Talismano Sterminatore e il Quadrato di Giove





I Pantacoli Cabalistici

Pantacoli Cabalistici tratti dalla Filosofia Occulta o la Magia di Agrippa.

"Zoroastro, Giamblico, Orfeo, Sinesio, Alkindus ci assicurano d'altra parte dell'efficacia di certe parole sacre e dei nomi divini e Artefio, mago e filosofo, ha scritto un libro speciale sulle virtù delle parole e dei caratteri. Origene, che non ha minore autorità degli altri filosofi, ha sostenuto anch'esso contro Celso le virtù mirabili racchiuse in certi nomi divini. E il Signore dice nel Libro dei Giudici: Il mio nome che è Pele è interpretato fra noi come operatore di miracoli e produttore di meraviglie".



Faccia anteriore - recto

Faccia posteriore - verso

Questo è un vero medaglione magico, che il grande Cornelio Agrippa, nella sua celebre opera La Filosofia Occulta o La Magia, ci ha descritto in questo modo:
"Il rabbino Harna, nel suo libro Della Speculazione, ci parla di un talismano capace di guarire l'uomo dalle sue infermità.
Il lato anteriore Porta i quattro nomi di Dio disposti in quadrato l'uno sotto l'altro, in modo che, letti dall'alto in basso, risultino similmente quattro altri nomi o sigilli sacri della divinità, la cui intenzione è scritta sul cerchio che limita esteriormente la circonferenza della medaglia. Il lato posteriore porta nel centro il nome di sette lettere Ararita, la relativa interpretazione, ossia il versetto da cui è tratto, è scritta intorno al margine estremo del talismano. Le lettere vanno incise in un disco d'oro puro o su carta pergamena."

Faccia anteriore - recto

Faccia posteriore - verso
Per assicurarsi contro le malizie degli spiriti maligni e degli uomini malvagi, nonché contro tutti i pericoli dei viaggi terrestri e marittimi, Cornelio Agrippa consigliava di preparare questo talismano che riporta sulle due facce l'inizio e la fine dei primi cinque versetti della Genesi, simbolo dì tutta la creazione del mondo. Il talismano va portato sempre addosso con ferma fede nella forza primigenia che tutto ha creato.

Mail Contact DarkMaster BethStrega Home Page Index Builder Web ©BETH