torcia
Il tempo è scaduto
game over!! ... OPPURE NO? !
Un po di serietà, per favore!!!
Abbiamo molti problemi, questo
è vero, ma siamo ancora
in tempo per rimediare.
Se lo vogliamo.

finito il tempo game over
la fine del mondo game over


invasione di locuste ... fritte
Per contrastare l'invasione di locuste
"da fine del mondo" non ci resta che
mangiarle. Spiedino di locuste fritte.
Del resto si dice che fritta
è buona anche una ciabatta
...
NO?

fine del mondo battuta spiritosa

fine del mondo battuta spiritosa

fine del mondo battuta spiritosa



TORNA AD ARGOMENTI E MISTERI

- LA FINE DEL MONDO era prevista NEL 2012 ma abbiamo appurato che non si è verificata
e nemmeno il 21 Giugno del 2020 - QUALCUNO HA ALTRE DATE DA AGGIUNGERE ???



Ci risiamo, si parla di nuovo della "fine del mondo". Libri, articoli, riviste, trasmissioni tv, web, in molti si occupano dell’argomento con toni allarmistici e catastrofici e poi magari tornano sui loro passi apportando risibili rettifiche a quello che è stato affermato con tanta enfasi, magari per limitare le varie brutte figure ormai fatte.
Nel capitolo dedicato a NIBIRU noi avevamo solo accennata questo tema per scartarlo a priori con lo slogan: FINE DEL MONDO? NO GRAZIE! Ora però vogliamo parlarne un pochino di più e con la solita ironia che ci contraddistingue.
Alla fine del mondo si è gridato già tante altre volte nel passato che molti se lo sono dimenticato, forse anche perché troppo giovani. Non è una piaga di oggi, la fine del mondo stava sulla bocca anche dei nostri padri e dei nostri nonni. Come dire: l'uomo ci casca sempre e non ha ancora imparato a starsene zitto!. E' evidente che se siamo qui a parlarne di nuovo non si è verificata, vuol dire che l’evento non si è verificato nemmeno questa volta o perlomeno non nella misura in cui ci era stato paventato. Mi sa tanto che oramai parlare della fine del mondo è diventata una moda, assurda ma comunque sia pur sempre una moda.
Noi personalmente avevamo già scartato le date precedenti al 2012 e quella ravvicinata del 2020 e restiamo sulla nostra posizione nel PROFETIZZARE che ancora non è giunto il momento. Voce fuori dal coro che si innalza dalla massa. Degli eventi importanti per l’umanità si sono in effetti  verificati ( e siamo in attesa anche di altri fatti non proprio idilliaci che covano sotto la cenere ) ma da qui a dire che siamo prossimi alla fine del mondo ci pare veramente azzardato Ce ne corre. È molto probabile che termini un’era, che le cose cambieranno ancora e in modo profondo ed è in questo senso soltanto che si può affermare che siamo vicini ( o dentro ) la fine della vita come siamo abituati a concepirla oggi.
Del resto abbiamo sfruttato troppo e in maniera estremamente feroce le risorse naturali che erano a nostra disposizione che se qualcuno ci dicesse che sono terminate le scorte non me ne stupirei affatto, abbiamo prosciugato la terra, abbiamo inquinato i mari e il cielo, provocato cambiamenti climatici e trasformato la nostra stessa vita, che non va più a pari passo con i cicli di una terra oggi malata e per colpa nostra, dato che l'abbiamo resa arida e tossica come tutto ciò che ci circonda. Non si può immaginare di poter continuare su questa via di sfruttamento. Il mondo è la nostra casa e l’abbiamo resa sporca e infetta. Tanti parlano di porvi rimedio ma anche questa è diventata una sterile moda.

Gli uomini non comprendono più il valore della parola “solidarietà” e ci uccidiamo l’un con l’altro come lupi famelici in un branco ma senza offesa per i lupi ( era solo per fare un esempio ). Mentre per i lupi un comportamento del genere è dettato dalle naturali leggi di sopravvivenza, per noi certi comportamenti sono inconcepibili in quanto dovremmo essere degli individui dotati di intelletto e raziocinio. Forse è arrivato il momento di capire che andare avanti in questo modo è da stupidi. L’uomo è votato al suicidio se prosegue su questa strada inutile e infeconda.
La natura si rivolge contro di noi dicendo “basta” allo sfruttamento e all’inquinamento selvaggio e indiscriminato. Il nostro stesso sole è malato come l’aria che respiriamo, satura di smog e scarichi velenosi.

Il sole ha raggiunto la sua massima attività nel periodo che andava dalla fine del 2011 e l’inizio del 2012 e la sua attività sarà sempre più intensa sino ad arrivare ad influenzare le attrezzature elettriche e quelle di navigazione che si trovano oggi sulla terra. Pensateci, pensiamoci, riflettete, riflettiamoci.
Quali sono le conseguenze su noi esseri umani e sulla nostra amata Madre Terra? Già adesso abbiamo perduto il gusto delle stagioni che oggi vivono solo nel ricordo di chi ha avuto la fortuna di viverle mentre, i giovani, se le possono solo sognare. Ascoltiamo i lamenti della nostra amata terra e riflettiamo senza allarmismi ma con mente lucida anche sulle profezie dei Maya che ci parlano di grandi cambiamenti e di catastrofi naturali al solo scopo di farci finalmente svegliare. Gli avvertimenti e i moniti ci fanno capire che i giochi ancora non sono fatti ma che è da stupidi ignorare lo stato in cui versa la vita sulla terra. Degli uomini, degli animali e delle piante che ancora non abbiamo tagliato.
Siamo strettamente legati al cosmo che ci ospita e gli uni agli altri. Siamo cellule di uno stesso grande organismo. Qualcosa sicuramente ci sta aspettando al varco, un cambiamento che sta dando già ora dei segnali forti della sua presenza e non sarà molto piacevole se non invertiamo la rotta.
Per capire il concetto l'uomo deve forzatamente volgere il problema su di se per evitare di verlo lontano ed astratto. Molte cose stanno intaccando quello stile di vita che ci siamo con tanta cura costruiti ma, che a ben vedere, risulta effimero e fatuo proprio quanto l’uomo stesso che lo ha generato. Il denaro, la sicurezza nelle cose che crediamo "nostre" sfumano per mano di governi più o meno occulti o più o meno palesi che fanno solo il loro esclusivo interesse dimenticandosi dell'uomo comune che è visto solo come una pedina sacrificabile che loro stessi muovono a piacimento su di una scacchiera. Il processo che conduce ad un cambiamento è già iniziato ma dove ci condurrà questo è difficile da prevedere.
Noi non crediamo nella fine del mondo nel senso stretto e classico del termine ma non crediamo nemmeno nell'uomo, purtroppo, che è per noi la causa prima di ogni male e ogni disastro.


maya fine del mondo
Calendario Maya
Il Sole è la deità suprema per i maya, è l'asse intorno al quale si sviluppava l'intera vita intesa sotto qualsiasi forma, è generatore del tempo, la quadruplicità del cosmo. È indicato con un glifo che
rappresenta un fiore a quattro petali. È luce (ossia vita, giorno, ordine, bene) quando sorge e un giaguaro quando si trova al tramonto. La civiltà MAYA è scomparsa a causa di una grande siccità provocata ... da un sole cocente.
calendario maya
fine del mondo battuta spiritosa

la fine del mondo

covid
profezia covid

la fine del mondo

Builder Web ©BETHE-Mail Contact DarkMaster BethStregaHome PageIndex