libreria magica

IL LIBRO DEGLI INCANTESIMI

DELLA STREGA
Raccolta di antichi Rituali segreti


TORNA INDIETRO




candeliere gatto nero
strega nera
-
Rituali tratti da pagine ingiallite di vecchi libri di magia.
Trascrivere sempre a mano i propri incanti
in un libretto segreto per dare loro maggior forza.

Cornelio Agrippa affermava che le fumigazioni " ... schiudono le porte degli elementi e dei cieli, placano gli spiriti e li attraggono come la calamita attrae il ferro". Per questo è importante associare ad ogni tipo di rituale, che nasca sotto gli auspici di un determinato pianeta e che venga preparato per un qualsiasi scopo, sia accompagnato da un incenso appropriato che possa aiutare spingere ed esaudire qualsiasi desiderio.
Nella Clavicola di Salomone si legge :
" . . è necessario munirsi di un recipiente adatto a collocarvi il fuoco per le fumigazioni, che dovrà essere di creta, nuovo e verniciato di nero ( oggi non più richiesto questo colore specifico ).
Il fuoco sarà di carbone ( oggi si usano le pasticche di carbone ) e va acceso con esca e pietra focaia, ( va bene anche un più moderno accendino nuovo ) dopo di che tu l’esorcizzerai dicendo :
 
Dio di Mosè, Dio d’Aaron, Dio d’Àbramo, benedici e purifica questa creatura ignea, affinchè ti riesca gradita e purifica altresì tutti i luoghi in cui essa arderà. Così sia.
 
Ciò fatto, tu vi getterai il profumo adatto all’operazione e lo esorcizzerai dicendo : Agios, Athanathos, Beron, del, Dedotois. O Eterno, Essere degli Essericiti, Santificato re dell’Universo, benedici e consacra questo profumo. E degnati esaudire le mie preghiere. Così sia.
 
Cosi pregando, verserai un po’ di profumo sul fuoco e serberai il resto per tutte le altre operazioni successive. Getta poi nel fuoco sale, incenso, resina bianca, canfora e zolfo e pronuncia tre volte i tre nomi dei tre geni del fuoco :
Michael, re del Sole e della Folgore ; Samael, re dei Vulcani ; Anael, Signore delle Salamandre ".

A seconda delle varie influenze astrali Cornelio Agrippa prescrive nella sua Filosofia Occulta :

"I profumi di Saturno possono essere formati di ogni sorta di radici aromatiche.
Quelli di Giove con tutti i frutti odorosi, come la noce moscata e il garofano.
Quelli di' Marte con tutti i legni odoriferi, sandalo, cipresso, balsamo, aloe;
quelli del Sole d’ogni sorta di gomme, incenso, mastice, benzoino, storace, ladanum, ambra, muschio.
Quelli di Venere coi fiori, rose, viole, zafferano e simili.
Quelli di Mefcurio con tutte le cortecce odoranti dei legni e delle frutta, nonché con tutti i semi aromatici, come la cannella, la cassia, la noce moscata, la scorza di cedro, le bacche di alloro.
Quelli della Luna con tutte le foglie profumate, come la foglia d’india, quelle del mirto e del lauro".
 
Papus, nel suo Trattato pratico di Magia, consiglia:
Saturno zolfo e papavero.
Giove aloe, menta e zafferano.
Marte storace, erica e pepe.
Il Sole lauro, sandalo rosso e eliotropo.
Venere muschio e verbena.
Mercurio ginepro e mastice.
Per la Luna polvere di magnete e iride.







Profumi planetari estratti dai Grimori

e da vecchi trattati di magia pratica.

A titolo di curiosità diamo di seguito le ricette integrali ma si consiglia di eliminare alcuni degli ingredienti in quanto legati ad una visione medievale e sorpassata della magia e non più in uso nell'ambito delle pratiche moderne.Tali ingredienti risultano oggi veramente ripugnanti. Si possono sostituire con semplici essenze profumate ed essere certi di seguire comunque la tradizione per preparare al fine degli utili ed efficaci incensi anche solo utilizzando le erbe e le resine indicate.

PROFUMI PER LA DOMENICA (sotto gli auspici del Sole).
Si mescoli e si polverizzi mezz’oncia per qualità di zafferano, aloe, alloro, pepe, mirra e incenso, sei foglie secche di eliotropo, due grani di muschio e due d’ambra grigia ( da sostituire con l'ambra vegetale dato che l'ambra grigia non può essere più commerciata in quanto veniva estratta dai capodogli che oggi sono una specie protetta. Per fortuna ). Inumidendo la polvere con gomma arabica disciolta in acqua di rose, si formino tante pastiglie, che, una volta secche, saranno utilizzate lasciandole cadere a tre per volta su un fuoco di legna di lauro e di steli d’eliotropo.
Oppure si riducano in polvere cinque grammi per sorta di zafferano, legno d’aloe, semi di alloro, chiodi di garofano, mirra e incenso e un pizzico di muschio e d’ambra grigia. Si mescolìi il tutto, si consacri e si sparga a pizzichi sui carboni accesi dentro l’apposito fornello.


PROFUMI PEL LUNEDI (sotto gli auspici della Luna).
Si polverizzi insieme una testa di rana verde, le pupille degli occhi di un toro bianco, un pugnello di semi di papavero, sette ramoscelli di alloro, qualche foglia di rosmarino, incenso, storace, benzoino e canfora. Poi si aggiunga sangue di tortora o d’oca e s’impasti, formandone pastiglie che si fanno seccare e che vanno usate a tre per volta, lasciandole cadere su un fuoco di steli secchi d’artemisia e di ranuncoli.
Oppure, si mescolino e si riducano in polvere semi di papavero bianco, storace, benzoino e canfora in parti eguali, spargendo poi la polvere a pizzichi sul fuoco consacrato.
 
PROFUMI PEL MARTEDÌ (sotto gli auspici di Marte).
Si polverizzi insieme euforbio, sale ammoniacale, radice di elleboro, magnete, assenzio, storace, mirra e ruta; s’impasti il tutto con sangue di gatto e cervello di cervo e se ne formino pastiglie da usare a tre per volta.
O più semplicemente, si faccia uso di una polvere composta di euforbio, sale ammoniaco, radice di elleboro, magnete, zolfo e mirra in parti eguali.
 
PROFUMI PEL MERCOLEDÌ (sotto gli auspici di Mercurio).
Si riducano in polvere semi di frassino, corteccia di aloe, storace, benzoino, anilina azzurra e smerlature di penne di pavone. Si amalgami con sangue di rondine e cervello di cervo, si formino le solite pastiglie e si adoperino con un fuoco di steli di gigli, di narcisi, di fumaria e di maggiorana.
Oppure preparare una polvere composta di mastice, incenso, chiodi di garofano, pentafillo e agata in parti eguali.

PROFUMI PEL GIOVEDÌ (sotto gli auspici di Giove).
Con mezz’oncia per sorta di zafferano, aloe, canfora, semi di lauro, pepe, mirra, incenso, dodici foglie secche di leccio, due grani di muschio e due di ambra grigia, polverizzati e ridotti in pasta mercè gomma arabica sciolta in acqua di rose, si formano pastiglie da bruciare a tre per volta su un fuoco di legna di castagno, di pioppo, di fico e di melograno.
Oppure si prepari una polvere composta in parti eguali di semi di frassino, legno d’aloe, storace, benzoino e lapislazzuli.

PROFUMI PEL VENERDÌ (sotto gli auspici di Venere).
Si formano le solite pastiglie con muschio, ambra grigia, aloe, rose appassite, viole e corallo rosso, il tutto polverizzato e incorporato con sangue di colomba o di tortora, nonché con gli organi genitali di tre passerotti. Da bruciare su carbone di legna d’olivo.
Oppure si prepari una polvere composta in parti eguali di muschio, ambra grigia, aloe, rose e corallo rosso.
 
PROFUMI PEL SABATO (sotto gli auspici di Saturno).
Con semi di papavero e di giusquiamo, allume, assa fetida, radice di mandragora e zolfo, amalgamati con sangue di pipistrello e genitali di gatto nero, si formano tante pastiglie da bruciare su fuoco di legna di cipresso e di frassino e steli d’elleboro nero.
Oppure si prepari una polvere composta di semi di papavero nero, semi di giusquiamo, radice di mandragora, magnete e mirra in parti eguali.

Il Trattato degli spiriti celesti e terrestri ( Manoscritto custodito nella Biblioteca dell’Arsenale di Parigi ), consiglia di consacrare prima dell’uso i vari profumi, con la seguente orazione :

"Deus Abraham, Deus Isaac, Deus Jacob, benedici tutte le creature che hanno concorso a formare questi grani odoriferi, affinchè il loro aroma ne venga accresciuto in modo che ogni spirito malvagio ne resti respinto per Dominum nostrum Jesum Christum, qui tecum vivit et regna in omnia secula. Amen".


Builder Web ©BETH E-Mail Contact DarkMaster BethStrega Home Page INDEX