librixx.jpg (3812 byte)

sinpe1.jpg (2713 byte) perdes.jpg (2537 byte)
ALMADEL

L'Almadel è un antico libro di Magia Bianca il cui originale ebraico viene fatto risalire direttamente e Re Salomone.
A differenza di altri Grimori non ha subito rimaneggiamenti da parte della Chiesa durante tutti questi secoli anche perchè in esso non si trovano riferimenti demoniaci ma bensì tratta delle potenze angeliche, che dominano i 4 punti cardinali chiamati "torri" o "parti del mondo", e il modo di servirsene, in nome dell'Altissimo, a favore sia del prossimo che a favore personale, per l'ottenimento di qualsiasi desiderio che non sia mosso da sentimenti di rivalsa o perfidia.
In realtà si tratta dell'ultima parte meno conosciuta del Lemegeton, il trattato sulle evocazioni sia demoniache che angeliche, e in particolare descrive il modo di realizzare un talismano, l' Almadel, impiegato per l'evocazione degli spiriti angelici, associato ad altri strumenti particolari come i colori, le erbe, le candele, gli incensi, le pietre e i Salmi a loro collegati.

Come insegna la legge ermetica "Come in alto così in basso", scopriamo che il mondo fisico è strettamente collegato con i Mondi Superiori oltre che esserne un riflesso.
In magia questa viene definita Legge Analogica o delle Corrispondenze.
Attraverso di essa si comprende quanto il riflesso angelico si rispecchi in molte cose del nostro mondo e che quindi essi sono molto più vicini a noi di quanto crediamo.
Questo libro fu scritto per trovare la strada per comunicare con gli Angeli e renderli intercessori tra noi e la nostra elevazione spirituale che passa anche attraverso le soddisfazioni lecite terrene.

"Non pregate per ottenere alcuna cosa che sia contraria a Dio e alle Sue leggi, bensì ciò che Dio accorda secondo la consuetudine o il corso della natura: questo potete desiderarlo e ottenerlo. ...
Rammenta che vi sono dodici Prìncipi, oltre a quelli delle quattro Parti del mondo; e si spartiscono tra loro gli offici, e ognuno governa trenta giorni ogni anno. Sarà vano chiamare uno degli Angeli, se non è il tempo di colui che lo governa.
Perché ogni Coro o Torre ha il suo tempo limitato, secondo i dodici segni dello zodiaco; ed è in quel Segno del Sole che quell’Angelo o gli Angeli appartenenti al Segno hanno dominio. ...
I Cori hanno nome e carattere formato dalla sostanza dei cieli. Perché quando gli Angeli odono i nomi di Dio che sono loro attribuiti, li odono in virtù di tale carattere. Perciò è vano chiamare qualunque Angelo o Spirito, a meno che non si sappia con quale nome chiamarlo
."

E' POSSIBILE TROVARLO ANCORA COME RISTAMPA ANASTATICA

 

sinsin.jpg (2340 byte) desdes.jpg (2247 byte)