Prosegui con:
Vita di maghi oscuri e alchimisti tormentati, realmente vissuti, che non fecero la storia della magia ma che vogliamo comunque ricordare


Conte di Cagliostro
Cornelio Agrippa

Pietro de Abano
Francis Barret

Abramelin il Mago
Helena Petrovna Blavatsky

Albertus Magnus
Giovanni Jacopo Casanova

Roger Bacon
Aleister Crowley

Alice Bailey
Dott. John Dee

Allan Kardec
Eliphas Levi

Jacques de Molay
Nostradamus

Paracelso
Pitagora

Papus - Gerard Eacausse
Conte di Saint-Germain

Julius Evola
Dion Fortune

René Guenon
Ermete Trismegisto

Honorius
H. Spencer Lewis

Pietro Mora
Cristian Rosenkreuz

Dott. John Dee ( 1527 - 1608 )
Matematico ed astrologo inglese assai competente, il Dott. John Dee insegnò alle università di Louvain, Bruxelles e Parigi prima di tornare in Inghilterra nel 1551 dove si dedicò all'insegnamento della navigazione ai capitani di mare e allo studio della sua principale passione; le scienze occulte. Questa passione attirò su di lui l'attenzione della corte che lo interpellò per determinare la data astrologicamente più propizia per l'incoronazione di Elisabetta I che, successivamente, lo convocò a corte per insegnarle personalmente le Antiche Arti Esoteriche. 
L'incontro con Edward Kelley, che affermava di essere in possesso di doti medianiche e mistiche, fu molto importante per il dottore e questa amicia si rivelò poi essere utile per entrambi che iniziarono a condividere tutto persino le mogli . .  Nel 1583 partirono per la Polonia e per la Boemia dove intrattennero re e principi profondamente interessati di occultismo. Nonostante le sue grandi conoscenze in campo magico e alchemico, il dott. Dee, morì completamente in miseria, sempre comunque meglio della fine che fece suo amico Kelly che terminò i suoi giorni in modo violento e ancora all'oggi misterioso. Alcuni scritti di John Dee sono conservati al British Museum dove è possibile vedere anche lo specchio ( o speculum ) attraverso il quale Kelly osservava gli spiriti che si manifestavano durante le loro sedute. Alcuni libri e biografie sono stati scritti su questo personaggio assai dotato e ne citiamo alcuni: JOHN DEE di Charlotte Smith; JOHN DEE, SCIENTIST, GEOGRAPHER, ASTROLOGER ED SECRET AGENT TO ELISABETH I di Richard Dracon e il più noto, anche in Italia, HEPTARCHIA MISTICA o il più recente GLI ANGELI DI JOHN DEE, IL MERLINO DI ELISABETTA, scritto da Giorgy Szonyl. Il lavoro svolto da John Dee suscita ancora oggi un forte interesse da parte degli esoteristi moderni e specialmente in riferimento ai rapporti che il dottore ebbe con gli angeli e il linguaggio Enochiano, emerso durante gli esperimenti, del quale si servirono per comunicare.
Molti ritengono che questo tipo di linguaggio sia il precursore del sanscrito e persino il linguaggio sacro di Atlantide.

Builder Web ©BETH E-Mail Contact DarkMaster BethStrega Home Page Index