Prosegui con:
Vita di maghi oscuri e alchimisti tormentati, realmente vissuti, che non fecero la storia della magia ma che vogliamo comunque ricordare


Conte di Cagliostro
Cornelio Agrippa

Pietro de Abano
Francis Barret

Abramelin il Mago
Helena Petrovna Blavatsky

Albertus Magnus
Giovanni Jacopo Casanova

Roger Bacon
Aleister Crowley

Alice Bailey
Dott. John Dee

Allan Kardec
Eliphas Levi

Jacques de Molay
Nostradamus

Paracelso
Pitagora

Papus - Gerard Eacausse
Conte di Saint-Germain

Julius Evola
Dion Fortune

René Guenon
Ermete Trismegisto

Honorius
H. Spencer Lewis

Pietro Mora
Cristian Rosenkreuz


Jacques de Molay ( 1244 - 1313 )

Come non annoverare in questa lista l'ultimo grande Maestro dei Cavalieri Templari, morto sul rogo dopo l'ordine di arresto, da parte di Filippo IV di Francia, di tutti i Cavalierie che facevano parte di questo famoso e importante ordine. I templari furono accusati di sodomia, di aver calpestato e sputato sulla croce e di adorare un idolo con le corna chiamato Bafomet. Accuse tanto infamanti quanto infondate dato che, in realtà, lo scioglimento del Grande Ordine Monastico-Guerriero aveva alla base solo dei motivi meramente materiali: la confisca dei beni accumulati dall'ordine negli anni ( furono i primi notai e primi banchieri ) e l'annullamento di un potere sempre più crescente che superava di gran lunga quello della chiesa e della corona.
Nel 1902, ad opera di Theodor Reuss, fu istituito in Germania un ordine che si proponeva di riportare in vita le tradizioni dei Templari.
Nella Massoneria esiste inoltre una tradizione Templare che risale al 1914 e viene fatta risalire a Francois de Beaunjeu, nipote di Molay. Che questo ordine sia oggi totalmente estinto io proprio non ci giurerei. Non solo ne abbiamo tracce in varie organizzazioni no profit e, appunto, nella Massoneria, ma, dato anche che molti processi fatti ai templari a suo tempo solo pochi finirono con una sentenza di morte ( manovra necessaria per far cancellare nella mente del popolo l'idea dell'Ordine ) viene quindi da pensare che sia stato stipulato come una specie di compromesso tra i Templari e la Chiesa.
Essi vivono ancora anche se non totalmente alla luce del sole e operano oggi in un modo più nascosto ma sempre decisamente importante. C'è da dire ancora, in conclusione, che comunque la confisca dei beni dell'ordine non fu totale, gran parte del loro tesoro accumulato durante le spedizioni in terra Santa si trova ancora celato da qualche parte in un luogo segreto e, il loro potere, anche se necessariamente ridimensionato, è ancora grande e attivo dopo tanti secoli. 

Builder Web ©BETH E-Mail Contact DarkMaster BethStrega Home Page Index